Coconta

Primi lavori nel futuro apiario

Ciao a tutti,
con immensa gioia posto il mio primo articolo che riguarda strettamente la mia avventura con il mondo delle api e che riguarda i primi lavori nel futuro apiario.
E’ passato circa un mesetto dal mio ultimo post e anche dalla mia ultima lezione al corso di apicoltura e in tutto questo tempo non ho fatto altro che attendere l’avvicinarsi della bella stagione o comunque sia di un miglioramento.
Ieri ed oggi sono state due bellissime giornate e ne ho subito approfittato per costruire i due supporti per le arnie.

Perchè dei sostegni?

Non so se tutti quelli che leggono lo sanno, ma per varie motivazioni è bene non lasciare a terra le arnie (prima tra tutte è l’umidità costante che porterebbe il legno a marcire in fretta).
Deciso a voler ultimare il tutto in questo fine settimana mi sono recato nel futuro apiario, poco distante vi era un mucchio di bancali rotti o comunque non utilizzati e ho deciso di usare quelli per forgiare il supporto.

Materiali utilizzati

Materiali utilizzati

Mi sono messo di buona lena a ricavare tutto il materiale che mi poteva servire (assi, chiodi e zoccoli di legno) utilizzando i più svariati metodi, primo tra tutti ho riscoperto l’utilità del piedi di porco che in molti situazioni è una manna dal cielo.
Insomma, buttato giù un progetto rudimentale nella mia mente sono partito nella costruzione di uno “sgabello” per ogni arnia che non doveva essere troppo alto, perché mi avrebbe reso il lavoro difficoltoso, ne troppo basso causando il marciume del legno dell’arnia.
In poco più di due ore avevo costruito il primo, traballante, sgabello e con tanto timore ho provveduto a caricargli sopra l’arnia (nella foto sottostante potete vedere una delle tante prove), con mio immenso stupore (scherzo ovviamente) ho notato che la mia costruzione reggeva.

Prova arnia su primo supporto

Prova arnia su primo supporto

Forte del successo appena ottenuto ho preparato il materiale per la costruzione anche del secondo supporto, ma il cui assemblaggio è stato rimandato ad oggi poiché il tempo a mia disposizione era terminato.
All’indomani arrivato ottimista nella zona del futuro apiario ho assemblato velocissimamente anche il secondo supporto e, dopo aver caricato anche la seconda arnia su di esso mi sono accorto che il mio progetto aveva una grandissima falla: le arnie ondeggiavano paurosamente nonostante la leggera brezza che si era alzata.
Intuita la situazione ed escogitato il modo migliore per risolvere mi sono cimentato nella costruzione dei picchetti laterali, in maniera tale da rendere perfettamente stabile entrambe le strutture (senza collegarle insieme per non far sentire ad entrambe le famiglie le stesse vibrazioni).

Un buon auspicio

Un episodio che merita di essere raccontato è il seguente:
stavo fissando nel terreno il terzo paletto che avrebbe impedito all’arnia di oscillare con il vento, quando il mio orecchio ha captato uno strano ronzio; incuriosito mi volto in direzione di tale rumore e con stupore mi accorgo che sul tetto di una delle due arnie vi si era posata un’ape, la quale, dopo una veloce pausa, ha ripreso il suo volo alla ricerca di polline per la famiglia affamata.
Il vero peccato è di non aver avuto la macchina fotografica a portata di mano in quel frangente, sarebbe stata una bella cosa da condividere.
Non sono una persona superstiziosa ma voglio pensarlo come un segno di buon auspicio! Incrociamo le dita!

Supporti completati con arnie posizionate

Supporti completati con arnie posizionate

I lavori che desidero fare sono ancora molti, nel contempo ho ordinato gli strumenti necessari per intraprendere questa attività: tuta, maschera, guanti e leva (avendo già l’affumicatore ereditato dal nonno).
Non mi rimane che salutarvi e darvi appuntamento al prossimo post! A presto bzzzz!

2 Comments

  • Alessandro Capuzzo

    Bravissimo Matteo! Si sente da come scrivi che la passione per le api ti sta prendendo parecchio! Ti capisco perfettamente…
    Mi permetto di darti un piccolo consiglio… Io avrei fatto un supporto diverso da quello che vedo… L’altezza è ok però io avrei fatto un’unica base atta a sostenere le due arnie, questo sia per dare maggiore stabilità. Poi non so se avrai idea di prendere in futuro altre arnie perché se si allora diventerebbe parecchio scomodo star lì a costruire un supporto per ognuna. Cosa ne pensi?
    Ciao e ancora complimenti per l’entusiasmo con cui stai affrontando questa avventura tanto appassionante quanto importante per la salvaguardia della biodiversità del ns. pianeta.
    I grandi risultati si ottengono da piccole azioni.
    Alessandro

    • Matteo

      Grazie Alessandro..
      I consigli sono sempre ben accetti, in questo mondo, soprattutto, credo che il confronto tra allevatori sia alla base di tutto, quindi sono ben felice quando vedo dei consigli.
      Per quello che riguarda il supporto, sono stato molto combattutto se farlo unico o singolo, ma, dopo aver preso in considerazione pro e contro, ho optato per quella singola per i seguenti motivi:
      la costruzione non mi porta via troppo tempo, nel giro di due ore riesco a concludere un supporto, la stabilita, infilando i picchetti nella terra e’ buona, ma il motivo scatenante e’ che se le mettessi su un supporto unico le vibrazioni provocate dalla visita di una sola arnia si propaggerebbe a tutte le altre, recando comunque dello stress.
      Spero di aver spiegato il mio punto di vista.

      Matteo.

Post A Comment

Consenso ai cookie con Real Cookie Banner